Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
 
Domenica, 30 Aprile 2017 20:29

1° Maggio. L'Italia che non vorrei

Anna Romanelli Anna Romanelli

di Anna Romanelli

Buongiorno, oggi è il compleanno di una delle DONNE più forti, più determinate, più risolutive che io abbia mai conosciuto...è stata un capo eccellente, un esempio di correttezza e lealtà unica...una donna che ha attraversato momenti dolorosi uscendone sempre a testa alta...una donna eccezionale!

 

 

Dovreste conoscerla tutti una donna così.

 

Dopo avergli fatto gli auguri, ho pensato, visto che domani è 1 maggio, a come dovrebbe essere oggi la figura di colui/colei che ogni onesto lavoratore dovrebbe avere.

 

Lo so che è domenica, ma riflettiamo tutti su questa figura.

CAPO:

1. Leadership con l'esempio: occorre essere, innanzitutto, un esempio, un motivatore e trasmettere in modo chiaro e senza distonie i valori e la visione d'impresa

2. Trasparenza: lavorare molto sulla comunicazione, compresa la parte sempre più difficile, cioè quella legata ai responsi negativi (dare quelli positivi è molto più semplice)

3. Focalizzazione al raggiungimento dei risultati: trasmettere tranquillità e serenità, ma anche orientamento all'obiettivo (stress ed eccessiva emotività sono destabilizzanti per i collaboratori).

4. Imparzialità: utilizzare una metrica di valutazione delle prestazioni oggettiva per tutto il team di lavoro.

5. Organizzazione: pianificare il proprio lavoro e quello degli altri, che significa, per esempio, presentarsi puntuale alle riunioni o se si è fisicamente lontani, far sentire costantemente la propria presenza, definire aspettative e piani d'azione in modo chiaro e mai contraddittorio

6. Capacità di ascolto: prestare attenzione ai collaboratori nelle sedi e nei modi prestabiliti, garantendo loro serenità lavorativa

7. Decisionismo: incertezza e tentennamenti sono nocivi all'organizzazione e minano l'autorevolezza del capo.

8. Etica: valore ESSENZIALE ormai un presupposto richiesto da tutte le organizzazioni più evolute, in quanto fattore intrinseco di successo per gli affari.

9. Empatia: saper riconoscere e anticipare i bisogni dei collaboratori consente di ottenere il meglio da loro.

10. Divertimento: sebbene sia una componente alcune volte trascurata, come se fosse incompatibile con un approccio serio e rigoroso, saper introdurre un elemento di divertimento e di passione consente di cementare il team e aumentare l'impegno, il coinvolgimento e senso di appartenenza

11. Ultimo, ma primo punto ESSENZIALE: trattare sia dal punto di vista ECONOMICO, sia professionale, il proprio dipendente come dovuto...facendolo riposare nei giusti tempi, dandogli i giusti permessi e ferie, tredicesime, quattordicesime, remunerarli per le giuste ore lavorative e non sottopagarli riducendoli allo stremo delle forze.

 

 

Il bravo capo deve ricordare che può "spendere e spandere" dei soldi guadagnati, grazie all'impegno ed al lavoro costante del proprio dipendente che lavora sempre e comunque con il sorriso, nonostante tutto...

Per domani:

Buona festa dei lavoratori che tutto sommato è ogni giorno, per quelli che con orgoglio e senso di appartenenza, apportano il proprio contributo facendo arricchire chi, oggi schiavizza gran parte degli onesti lavoratori che ogni mattina si svegliano per produrre ricchezza!

Purtroppo questa è l'Italia che lo permette...l'Italia che non vorrei!!!

Buon primo maggio a tutti.

 

chiacchiere da ape