Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Mercoledì, 17 Febbraio 2021 18:14

“Gnisciuna e tu” (Nessuna e tu), Canto in vernacolo aquilano

Scritto da nefer

Questo canto aquilano esprime il dolore intenso per un amore finito che continua a vivere nel ricordo e nella sofferenza.

Tenerezza, dolcezza e malinconia profonda permeano il componimento scritto da Mario Lolli con musica di Camillo Berardi ed eseguito dalla Corale Gran Sasso diretta dal M° Carlo Mantini.

Le immagini del video montato da Concetta Persico accompagnano razionalmente canto intriso di angosciosa malinconia.

   

GNISCIUNA E TU

Versi di Mario Lolli

Musica di Camillo Berardi

 

Non te sveja’, quatra’, che ‘sta canzone

vojo canta’ senza falla sinti’.

Non t’affaccia’, quatra’, da ‘ssu bargone

‘ssu bargone d’addo’

me dicisti rienno de sci.

 

Me sci’ lassatu

e te sci’ già scordatu

che quistu côre

vivea solu ‘nziem’a tti.

Amore, amore,

tantu tempu è passatu

e mo’  ‘stu côre

sta morenno senza ‘e ti.

 

Non ci penza’, quatra’, se pe’ ‘sta strai

chi sa pecché me sci’ fattu mpazzi’.

Gnisciuna e tu, quatra’, gnisciuna mai

m’ha saputu capi’.

Famme piagne massera cuscì.