Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Venerdì, 18 Giugno 2021 14:09

Quanto è cresciuto il trio delle meraviglie del Pescara!

Scritto da redenz

Immobile, Verratti e Insigne oggi sono stelle del firmamento calcistico

Sembra ieri quando Immobile, Verratti e Insigne vestivano con tanta emozione, e forse con un po' di timidezza, la gloriosa maglia del Pescara. Proprio ieri in realtà non era, visto che sono passati quasi 11 anni da allora, da quando quei tre sconosciuti ragazzi pieni di sogni nel cassetto hanno iniziato a muovere i primi passi nel calcio che conta. Il tempo passa davvero troppo velocemente senza che neanche ce ne accorgiamo, per fortuna almeno ci siamo accorti di quanto forti siano diventati quei tre, che all’epoca componevano il trio biancazzurro delle meraviglie. Nel 2011-2012 giocavano infatti insieme in Serie B con la maglia del Pescara, e qualcosa di buono, anzi di ottimo, lo avevano fatto vedere; Insigne in quella stagione segnò qualcosa come 18 goal in 37 partite, Immobile invece 28, sempre in 37 partite, e Verratti, che goleador non è mai stato, iniziava a “giganteggiare” come centrocampista davanti alla difesa, ruolo che gli si addice di meno considerando che dà il meglio di sé dietro alle punte. Bei tempi quelli per quel Pescara, che poteva schierare così tanti giocatori di classe da far impallidire persino la più forte Juventus! Scherzi a parte, ma fino a un certo punto, i Delfini con Immobile, Verratti e Insigne erano un piacere alla vista per gli amanti del calcio. Poi ognuno di loro è cresciuto a livello calcistico e ha imboccato strade diverse e molto fortunate.

Imprescindibili per Lazio, PSG e Napoli e al tempo stesso colonne della Nazionale

Immobile, Verratti e Insigne, oltre a essere diventati calciatori imprescindibili per club di primissimo livello quali Lazio, PSG e Napoli, sono anche le 3 colonne portanti su cui poggiano le fondamenta (solide) della Nazionale di Mancini, che non vede l’ora di recitare un ruolo di assoluta protagonista nel prossimo Campionato europeo di calcio per quanto riguarda le quote europei. E con loro in campo tutto questo è più di una possibilità! D’altronde abbiamo pur sempre a che fare con calciatori fortissimi nei loro rispettivi ruoli e al tempo stesso con atleti formidabili in grado di giocare ai massimi livelli 40 o più partite a stagione. Insomma, Immobile, Verratti e Insigne sanno essere sempre decisivi. Ed essere decisivi nel calcio moderno di oggi significa iscriversi a pieno diritto nel registro dei top player, di quelle stelle del firmamento calcistico che brillano di luce propria a prescindere dal gruppo. Lungi da noi sostenere che un giocatore possa vincere da solo una o più partite, ma è innegabile che i tre ex ragazzi terribili del Pescara gli equilibri in campo sanno come spostarli. Chiedete per conferme a Immobile, vincitore della Scarpa d’Oro, a Insigne, “bocca da fuoco” che in attacco non solo segna ma sa anche come far segnare i compagni, e infine a Verratti, splendido fantasista capace di imbeccare in maniera deliziosa e intelligente i colleghi del reparto avanzato.

Dai loro piedi passerà il successo dell’Italia a Euro 2020?

Dal passato di Immobile, Verratti e Insigne con la maglia biancazzurra dei Delfini, eccoci oggi a parlare del loro presente con la maglia azzurra della Nazionale. Un cambiamento epocale, che potrebbe divenire ancor più epocale se, come pensiamo, l’ex trio delle meraviglie sarà in grado di portare al successo l’Italia a Euro 2020. Va bene che le squadre favorite per la vittoria dell’Europeo sono altre, ossia Belgio e Francia, ma mai dire mai, soprattutto considerando quanto è letale il capitano del Napoli. Lo scugnizzo partenopeo nel 4-3-3 di Mancini è un vero e proprio grimaldello in grado di scardinare sulla sua fascia di competenza le difese avversarie. Che dire poi di Immobile, un ariete d’area di rigore che se ben innescato non sbaglia un colpo? Ultimo, ma non per ordine di importanza, Verratti, che quando sta bene sa come dettare i tempi soprattutto con la maglia della Nazionale. Speriamo possa dettarli ora che Euro 2020 è entrato nel vivo, e con lui risultino decisivi gli altri due componenti dell’ex trio delle meraviglie del Pescara.