Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 
Giovedì, 11 Febbraio 2016 17:06

Calcio/serieB. Oddo contro Marino

Scritto da Massimo Sanvitale

Biancazzurri impegnati in anticipo all’Adriatico contro il Vicenza, con fischio di inizio previsto per le 20:30 di domani.

 

Oggi Oddo, appena presentatosi in conferenza stampa, stupisce tutti e recita la formazione che scenderà in campo, così noi, seguendo la strada della novità, stravolgiamo la consueta struttura e ve la proponiamo subito: Fiorillo, Zampano, Zuparic, Fornasier, Mazzotta, Memushaj, Torreira, Benali, Verde, Mitrita, Lapadula. La domanda che necessita di risposta è, dunque, perché? Le ragioni sono diverse. La prima è il fugare dubbi circa la decisione di lavorare a porte chiuse per gli ultimi allenamenti. Il Mister spiega: “ Non è un provvedimento contro tifosi o giornalisti, non ho nulla da nascondere, è solo che in zona c’è il Vicenza”. La verità è che le argomentazioni addotte non sembrano chiarissime, peraltro è del tutto legittimo nascondere qualche idea alla vigilia di una partita importante, possibile dunque aspettarsi piccole variazioni. Non nel modulo, che sarà il solito ed efficace albero di Natale, ma in alcuni movimenti o giocate particolari preparate ad hoc. Verde e Mitrita sono due giocatori d’attacco, mentre i trequartisti “titolari” Caprari e Benali hanno – anche – attitudini da centrocampisti, naturalmente soprattutto il secondo. Chi, come noi, è affascinato dallo studio tattico di una partita, non può che essere estremamente curioso di quel che accadrà domani. Altro motivo dell’insolita rivelazione: gioca Mitrita e non Pasquato, Oddo ci sta dicendo che le gerarchie, almeno in parte, contano. Il rumeno è a Pescara da questa estate e ha dimostrato di impegnarsi a dovere, la squalifica di Caprari è la sua occasione maturata di diritto, non concedergliela sarebbe stata un’ingiustizia. Di conseguenza, giunge chiaro un messaggio a Pasquato, dovrà guadagnarsi il suo spazio come tutti gli altri. Ancora, perché non confermare Benali sulla trequarti ma scalarlo a centrocampo rinunciando, ad esempio, alla copertura di Bruno? Il Mister vuole schierare una squadra offensiva, aspettiamoci una partenza arrembante. Non solo. Caprari, in questo momento, gioca un numero elevatissimo di palloni a partita, inizia ad avere la presenza in campo che gli è sempre mancata. Per non perdere peso offensivo, dunque, la sua assenza deve essere risolta da due calciatori di qualità, non sarebbe bastato il solo Mitrita. Oddo, a domanda su Cocco, risponde: “Altri mi danno più garanzie”. Secco e pungente, è un invito a lavorare di più. Il Mister ci perdonerà se ci divertiamo a frugare nella sua testa, così proviamo a svelare il vero motivo della formazione data in anticipo, ovverosia la tranquillità dei centrali di difesa. La coppia Zuparic e Fornasier è forse l’unica reale nota dolente del campionato biancazzurro. Lo abbiamo scritto più volte ma vale la pena ripeterlo: sono due ottimi giocatori, purtroppo non compatibili. Inoltre, sono giovani. Avvisando urbi et orbi della loro presenza da titolari, Oddo mira ad evitare che mugugni, critiche o vistosi timori serpeggino tra le gradinate dell’Adriatico. Un calciatore lo avverte, sente la sfiducia del pubblico, in questo modo i tifosi arriveranno preparati, i gesti e gli sguardi sono stati già fatti.

Il Vicenza di Pasquale Marino non farà catenaccio, l’ex tecnico biancazzurro ama giocare con la squadra larga, che copra tutto il campo. Questo potrebbe creare qualche problema al Pescara, che al contrario porta molti giocatori centralmente. Proprio queste marcate differenze lasciano pensare ad accorgimenti specifici da parte dei due allenatori, entrambi votati allo studio tattico. Non sarebbe una sorpresa vedere il Pescara leggermente più largo e il Vicenza leggermente più stretto. Si sarà compreso come ci attendiamo una sfida a scacchi, siamo impazienti di scoprirne l’esito.

Ultima modifica il Venerdì, 12 Febbraio 2016 14:55

chiacchiere da ape