Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 06 Giugno 2016 10:12

Pescara Trapani 2:0, biancazzurri a soli 90’ dalla serie A.

Scritto da Massimo Sanvitale
La squadra del Pescara La squadra del Pescara foto Massimo Mucciante fb Pescara calcio

I biancazzurri superano per due reti a zero il Trapani di Cosmi e si avvicinano al traguardo. In Sicilia sarà per il Pescara sufficiente uscire dal Provinciale perdendo con meno di due gol di scarto per ritrovare la serie A. Appuntamento giovedì ore 20:30.

 

 Al fischio d’inizio le squadre sono contratte, la partita è tesa e si avverte. Il Pescara è in campo con la formazione annunciata, l’undici titolare; i granata schierano Petkovic, non in perfette condizioni, protetto da una serratissima difesa a cinque. La prima occasione è biancazzurra, un rimpallo su Lapadula sembra poter infilare il pallone in rete. Fuori di poco, è il minuto 7’. All’11’ Caprari supera Perticone e si lancia verso l’area avversaria, il difensore lo stende ma l’arbitro estrae solo il giallo. Il numero 17 calcia la conseguente punizione non lontana dal palo. Ancora Caprari dal limite in seguito ad uno scambio con Lapadula, para Nicolas. Il portiere trapanese giocherà un’ottima partita. Si supera su Lapadula al 17’, riflessi felini per bloccare una deviazione sotto porta e diretta all’angolo basso. Il Pescara gioca e il Trapani prova a sfruttare errori e ripartenze, come da copione. L’episodio chiave arriva al 27’: Scozzarella, appena ammonito per un brutto fallo, scaglia lontano il pallone, Pairetto estrae il secondo cartellino e costringe il Trapani in dieci. Poco dopo ci riprova Lapadula ma il suo destro è debole e di facile lettura per Nicolas. Ancora il portiere granata blocca un tentativo di Memushaj dalla distanza. Pairetto fischia la fine del primo tempo. Da segnalare una gomitata di Scognamiglio a Zampano, non è da escludere la prova TV.

La seconda frazione inizia con il Pescara in avanti e deciso a sfruttare l’uomo in più. Il vantaggio arriva dopo soli due minuti: Caprari trova in area Verre che incrocia bene di sinistro, sulla respinta arriva Zampano che calcia forte in mezzo, Benali devia in rete. Da questo momento inizia un’altra partita. Il Trapani, già poco propenso a sbilanciarsi, prova qualche sortita ma senza convinzione. Cosmi comprende le difficoltà della propria squadra e sembra volersi accontentare del risultato che sta maturando. Il Pescara inizia a manovrare alla sua maniera, giocando con difesa alta tanto da far sembrare Campagnaro il vero regista. Ancora Lapadula al 55’, bomba di sinistro di poco a lato. Al 64’ fuori Memushaj e dentro Verde. Al 70’ Benali libera Lapadula con un colpo di tacco, è bravissimo Nicolas ad uscire e anticipare il numero 10 biancazzurro. Raddoppio al 71’, quando Verre riceve da Campagnaro e serve Lapadula in area, tutto in verticale, l’attaccante si porta il pallone sul sinistro e trafigge Nicolas. Nei minuti che seguono, il Trapani è frastornato e il Pescara non approfitta di qualche errore commesso in impostazione. Esce Petkovic che litiga con il proprio allenatore, escono Caprari e Verre per Mitrita e Selasi. Male tutti i subentrati pescaresi, scelti solo per risparmiare Bruno e Pasquato, possibili titolari di giovedì. Il centrocampista Ghanese rischia di regalare un’occasione agli avversari quando perde una palla sanguinosa nel finale. Al triplice fischio, l’Adriatico esulta con qualche rimpianto, la partita poteva chiudersi.

Non è finita, il Pescara dovrà andare a Trapani per giocare la partita che sa, snaturarsi pensando di potersi difendere sarebbe un errore. Oddo ne è consapevole, ha già dimostrato di non cedere a facili tentazioni in occasione del ritorno in casa contro il Novara. Siamo certi che giovedì vedremo il solito Pescara.

Tabellino:

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo, Zampano, Campagnaro, Fornasier, Crescenzi, Verre (89' Selasi), Torreira, Memushaj (64' Verde), Benali, Caprari (78' Mitrita), Lapadula

A disposizione: Aresti, Bruno, Verde, Pasquato, Zuparic, Selasi, Vitturini, Mitrita, Cappelluzzo

All. Massimo Oddo

TRAPANI (3-5-2): Nicolas, Perticone, Pagliarulo, Scognamiglio, Fazio, Eramo, Scozzarella, Nizzetto, Rizzato, Coronado (51' Barillà), Petkovic (74' De Cenco)

A disposizione: Fulignati, Daì, Montalto, Torregrossa, Ciaramitaro, Barillà, Citro, Camigliano, De Cenco

All. Serse Cosmi

ARBITRO: Sig. Luca Pairetto (Nichelino)

ASSISTENTE1: Sig. Stefano Del Giovane (Albano Laziale)

ASSISTENTE2: Sig. Alessio Tolfo (Pordenone)

ADDIZIONALE1: Sig. Fabrizio Pasqua (Tivoli)

ADDIZIONALE2: Sig. Luigi Nasca (Bari)

IV UFFICIALE: Sig. Matteo Bottegoni (Terni)

Ammoniti: Perticone (T); Nizzetto (T); Lapadula (P); Memushaj (P); Eramo (T); Pagliarulo (P)

Reti: 47' Benali (P); 71' Lapadula (P);

Ultima modifica il Lunedì, 06 Giugno 2016 10:16