Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Domenica, 26 Settembre 2021 10:56

Calcio. Pescara-Viterbese 1-1

Scritto da
Galano in azione contro la Viterbese Galano in azione contro la Viterbese Pescara Calcio

Ancora un pareggio casalingo per il Delfino, che solo nel recupero evita la sconfitta contro la Viterbese ultima in classifica.

Questa volta deve recitare un mea culpa anche il tecnico Auteri che contro il fanalino di coda azzarda troppi cambi rispetto alle uscite precedenti, schierando in definitiva una formazione sbagliata. Impalpabile in attacco la prova di Rauti, che di fatto non tocca palla, ma anche il suo compagno di reparto D’Ursi delude; sulla linea mediana non convince Nzita, mentre in difesa combina più di un danno Illanes, a partire dall’iniziale fallo da rigore commesso su Martinelli che porta al vantaggio degli ospiti (penalty trasformato da Volpicelli al 5’). La Viterbese rischia addirittura di raddoppiare al 10’, ma incredibilmente la conclusione ravvicinata di Murilo colpisce prima un palo e poi l’altro senza oltrepassare la linea di porta. Di fatto i padroni di casa regalano il primo tempo agli ospiti, che sul finire della prima frazione di gioco ci provano ancora con una forte conclusione di Volpicelli, scaturita da un altro svarione di Illanes.

Finalmente al 54’ mister Auteri decide di cambiare ed inserisce la coppia offensiva De Marchi-Ferrari al posto di D’Ursi-Rauti; successivamente entra anche Clemenza per Nzita. La musica in campo cambia e il Delfino inizia a macinare gioco, sfiorando subito il pareggio con un tiro forte, ma alto, di Ferrari. La fortuna purtroppo non sembra dare una mano ai padroni di casa, che danno vita al festival dei pali: ben tre i legni colpiti dai biancazzurri, prima con Ferrari (ma era in fuorigioco), poi con Clemenza (che fallisce un rigore in movimento) e quindi con Zappella. Quando allo scadere il portiere ospite Bisogno sventa due clamorose conclusioni nel corso di una mischia, sono in molti a pensare che la gara sia stregata. A rompere l’incantesimo ci pensa infine Ferrari che al 93’, in pieno recupero, deposita in rete l’ennesimo pallone riversato in area nell’assalto finale. A conti fatti, due punti persi per il Pescara contro un avversario di certo non irresistibile; i biancazzurri mantengono il primato in classifica, anche se raggiunti al vertice da Reggiana e Cesena. Prossimo appuntamento martedì, con il Delfino atteso in Umbria dal Gubbio.

Ultima modifica il Domenica, 26 Settembre 2021 11:30