Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


 

 
Domenica, 17 Settembre 2023 10:47

Serie C, Pescara-Arezzo 3-2

Scritto da

Secondo successo stagionale del Delfino che sale al terzo posto in classifica.

Vince ma non convince il Pescara di Zeman che, dopo un inizio scoppiettante, non riesce più a costruire trame di gioco efficaci e salva il risultato nel finale grazie alle prodigiose parate di Plizzari.

Fuochi d’artificio all’avvio, con i padroni di casa avanti di due gol dopo soli 12 minuti di gioco: prima è Tunjov a depositare il pallone in rete dopo una splendida iniziativa di Milani che salta tutta la difesa avversaria e serve un delizioso assist dalla linea di fondo (11’); quindi, dopo un solo giro di lancetta, è Merola ad involarsi in una ripartenza ed infilare nuovamente l’incolpevole Trombini. Il micidiale uno-due lascerebbe presagire una gara altamente spettacolare e invece il primo tempo non riserva più alcuna emozione, se non l’autorete di Mesik con cui al 45’ gli ospiti accorciano le distanze.

Ad inizio ripresa Zeman cambia completamente la “catena” di sinistra, sostituendo gli spenti Dagasso e Accornero con Franchini e Cangiano; ma la mossa non sortisce subito l’effetto voluto, perché è ancora l’Arezzo a cercare e quindi a trovare il gol al 57’ grazie ad una splendida conclusione al volo di Gucci su calcio d’angolo, con il pallone che si insacca all’incrocio. Lo stesso Gucci ci riprova qualche minuto dopo con una pregevole girata, ma è Plizzari a sventare il pericolo. Il rischio corso sveglia finalmente il Pescara che al 71’ pesca il gol da tre punti con un preciso colpo di testa di Cangiano su assist dal fondo di Pierno. Il risultato rimane però in bilico fino al termine e se non cambia più il merito è esclusivamente del numero uno biancazzurro Plizzari, autore di due interventi miracolosi su Foglia (85’) e Castiglia (91’), grazie ai quali il Delfino porta a casa l’intera posta in palio.

C’è tanto da lavorare per mister Zeman, ancora alla ricerca dei titolari di centrocampo: il trio schierato contro l’Arezzo (Dagasso-Squizzato-Tunjov) si è progressivamente spento e non è stato in grado di assicurare quelle ripartenze tanto care al tecnico boemo. Inoltre non convince la scelta di Cuppone centravanti: si tratta di un giocatore di movimento, abile nella corsa e sulla fascia, e di certo poco efficace se schierato al centro dell’attacco, quasi sempre spalle alla porta.

Il Pescara scenderà di nuovo in campo nel turno infrasettimanale di martedì prossimo, ospite della matricola Sestri Levante.

Ultima modifica il Domenica, 17 Settembre 2023 10:56

chiacchiere da ape