Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Lunedì, 04 Aprile 2016 17:49

Panama Papers', i soldi dei potenti del mondo nei paradisi fiscali

Scritto da ....
Infografica Infografica da Adnkronos

"Una colossale fuga di notizie. La più grande della storia della finanza internazionale. Milioni di pagine di documenti che raccontano quasi 40 anni di affari offshore. Tutto parte dallo studio legale Mossack Fonseca, con base a Panama city, nel cuore di uno dei più efficienti e impenetrabili paradisi fiscali del mondo". Lo scrive L'Espresso, che partecipa in esclusiva per l'Italia all'International consortium of investigative journalist, che ha avuto accesso a questo enorme archivio di carte segrete, il dossier 'Panama Papers'.

 La fuga di notizie riguarderebbe, si legge su L'Espresso, "gli affari riservati degli uomini di Putin, della famiglia Cameron, dei vertici comunisti cinesi. Insieme a star come Leo Messi e Jackie Chan". Coinvolti anche il presidente ucraino Petro Poroshenko, il re dell'Arabia Saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud, il sovrano del Marocco Mohammed VI, la famiglia del presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev, il primo ministro dell'Islanda Sigmundur Gunnlaugsson, i familiari del leader cinese Xi Jinping e il presidente dell'Argentina Mauricio Macri. Potenti e leader di tutto il mondo, sportivi, vip, tutti coinvolti dai file dello studio legale di Panama City. "L'inchiesta è durata più di un anno" e riguarda circa "11,5 milioni di file". "Sulle stesse informazioni sono già al lavoro anche le autorità fiscali di diversi Paesi, tra cui la Germania e gli Stati Uniti. Mai prima d'ora una simile mole di dati finanziari riservati era stata messa, tutta insieme, a disposizione della pubblica opinione e degli investigatori", scrive. "I numeri parlano da soli. Oltre 200 mila società, fondazioni, trust con sede in 21 paradisi fiscali sparsi per il mondo, dai Caraibi ai mini Stati del Pacifico, da Cipro fino al deserto del Nevada, negli Stati Uniti. E poi decine di migliaia di clienti, cittadini di 200 Paesi diversi, tra cui politici, uomini di spettacolo, imprenditori, sportivi". "I file riguardano operazioni che vanno dal 1977 fino alla fine del 2015 e "mettono in luce che alcuni dei più importanti istituti di credito internazionali sono coinvolti nella creazione di società difficili da rintracciare, nelle Isole Vergini britanniche, Panama e in altri paradisi fiscali". Tra i "circa 800 nomi" di personaggi o società italiani coinvolti, ci sono, riporta sempre l'Espresso, "Luca di Montezemolo. L'imprenditore Giuseppe Donaldo Nicosia, latitante, coinvolto in un'inchiesta per truffa con Marcello dell'Utri. Il pilota Jarno Trulli. Si sono rivolti a Mossack Fonseca per aprire società offshore". E nelle carte analizzate "ricorrono anche i nomi di Ubi e Unicredit".

"Né Montezemolo, né la sua famiglia, possiedono alcuna società offshore". E' quanto puntualizzano fonti vicine a Luca Cordero di Montezemolo , riferendosi al caso Panama papers.

Italiani con il conto in paradiso

Dal presidente di Alitalia Luca Cordero di Montezemolo all'ex pilota di Formula Uno, Jarno Trulli passando per Oscar Rovelli, uno dei figli di Nino Rovelli, patron del gruppo chimico Sir, e Giuseppe Donaldo Nicosia, socio dell'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, ora in carcere per una condanna a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Sono questi i nomi di alcuni italiani finiti al centro del dossier 'Panama Papers' e che secondo il settimanale 'L'Espresso' sarebbero entrati in contatto con lo studio legale Mossack Fonseca di Panama per "mettere al sicuro il patrimonio di famiglia". Con loro anche "un migliaio di clienti provenienti dal nostro Paese (...) imprenditori, professionisti e volti noti dello spettacolo".

Secondo 'L'Espresso' la società della quale emerge il nome di Montezemolo si chiama Lenville overseas e ha sede a Panama. "Nei primi mesi del 2007 sono stati siglati una serie di contratti che, tra l'altro, indicano Montezemolo come procuratore di Lenville - rivela il settimanale - Il manager, a quell'epoca al vertice di Ferrari e presidente di Fiat, ha ricevuto la delega per operare su un conto alla Bim Suisse, filiale elvetica dell'italiana Banca Intermobiliare. Contattato da 'L'Espresso', il presidente di Alitalia non ha replicato alla richiesta di chiarimenti".

Nelle carte, assieme al nome di Montezemolo figurano anche i nomi delle banche Unicredit e Ubi. "Mossack Fonseca non risulta essere un consulente fiscale della capogruppo - ha replicato un portavoce di Unicredit" ma per il settimanale "la banca milanese ha avuto relazioni d'affari con lo studio panamense per la gestione di circa 80 società offshore, come la Baracaldo inc. e la Overshoot inc. entrambe di Panama, oppure la Nemo partners Ltd, registrata alle Isole Vergini britanniche. Ma nel 2010 Unicredit prende le distanze". Ubi banca invece, sarebbe entrato in contatto con Mossack Fonseca per affari del Lussemburgo anche se la banca garantisce: "Non abbiamo società controllate in quelle località". Secondo il settimanale nei documenti ci sarebbe però traccia di conversazioni avvenute tra i manager di Ubi banca in Lussembrugo e quelli di Mossack Fonseca.

Nelle carte figura anche il nome dell'ex pilota di Formula Uno Jarno Trulli, azionista della Baker street sa, "una società registrata nelle isole Seychelles e creata con l'assistenza dei legali dello studio Mossack Fonseca". Il campione sarebbe andato offshore "grazie all'intermediazione del Credit Foncier Monaco, uno degli istituti di credito più forti sulla piazza di Montecarlo. Questo è quanto risulta dalle carte ufficiali, ma Trulli, contattato da l'Espresso tramite il suo manager, non ha risposto alle richieste di chiarimenti".

Nella documentazione si fa anche il nome di Oscer Rovelli, uno dei figli dell'imprenditore a capo del gruppo chimico Sir e titolare, secondo i file di Mossack Fonseca della Countryside Group Ltd delle Seychelles. Questa società però non fa parte "dell'elenco di offshore estere indagate dagli investigatori" per la vicenda giudiziaria conclusa nel 2006 in Cassazione che stabiliva "che la famiglia si era comprata la sentenza del Tribunale di Roma che le assegnava un risarcimento del valore di quasi 400 milioni di euro nei confronti dell'Imi, la banca che aveva suo tempo finanziato la Sir". Contattato da L'Espresso, Rovelli ha detto tramite il suo avvocato di "non avere alcun ricordo di quella società".

Nei file di Mossack Fonseca c'è infine Giuseppe Donaldo Nicosia, imprenditore pubblicitario accusato di bancarotta fraudolenta e socio dell'ex senatore forzista Marcello Dell'Utri, in carcere per una condanna a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. I due erano soci della Tomé Advertising SL una società spagnola "servita secondo le accuse della Guardia di Finanza per una truffa da 43 milioni all'Erario". L'Espresso scrive che "secondo le indagini della Guardia di Finanza, Nicosia avrebbe reinvestito i proventi della presunta frode in acquisti di lusso: Rolls Royce, Harley Davidson, scuderie di cavalli" e "in un doppio appartamento acquistato nel 2006 a New York: il Cityspire Condominium, al 150 West 56th Street".

In breve tempo Nicosia "costituisce due offshore: il 20 maggio 2011 Darion Trading, alle British Virgin Islands, e, il 13 giugno, Amadocia, nel Delaware americano" per poi vendere "per 3,2 milioni di dollari l'appartamento di Manhattan a se stesso, cioè alla Amadocia, controllata da Darion Trading". Su quell'immobile, conclude il settimanale, "pendeva una richiesta di sequestro proveniente da Milano, presa in esame negli Usa nel marzo 2015, ma approvata dal giudice Richard Roberts appena lo scorso 1 marzo. In autunno Nicosia lo aveva già ceduto per 3,7 milioni".

 

adnkronos

Ultima modifica il Lunedì, 04 Aprile 2016 17:57