Per l'Abruzzo affacciato sul mondo...


Maggio 25th, 2024
Michele Lombardo e Fabrizio Truono : “Ridurre gli sprechi e favorire il ...
Maggio 25th, 2024
 Domenica 26 maggio, infatti, lo Skate Garage Adriatico – Indoor Skatepark – di ...
Maggio 25th, 2024
Assessore Carota: "posizione frontale rispetto al Santuario, è sempre stata ...
Maggio 24th, 2024
Prestiti alle micro imprese: 2023 in Abruzzo nel segno della continuità.  ...
Maggio 24th, 2024
 Lo dice un'inchiesta Eurispes. Per il 55,5% degli intervistati la situazione ...
Maggio 24th, 2024
 Maxi ristrutturazione all'ex Padovano “Non ci sto a fare la parte del cattivo, ...
Maggio 23rd, 2024
 indagati nel territorio di Terni e di altre 14 province (Milano, Torino, ...
 

Spettacoli e Cultura

Maggio 25th, 2024
 Pescara quest'anno si arricchisce di due gioielli, la Fondazione Summa e ...
Maggio 23rd, 2024
26 maggio ll FAI-Fondo per l’Ambiente Italiano, in coerenza con la sua ...
Maggio 23rd, 2024
Dopo le grandi emozioni che ha regalato lo scorso anno, anche per questa estate ...
Maggio 21st, 2024
 venerdì 24 alle 11 inaugura ArtBox Project Si chiama Naturale Artificiale, ...
Aprile 30th, 2024
Gli appuntamenti di Maggio 2024    Il mercoledì alle 18 e il Venerdì alle ...
 
 

Notizie Abruzzo

  • Prev
Michele Lombardo e Fabrizio Truono : “Ridurre gli sprechi e favorire il corretto impiego delle risorse, per evitare
Assessore Carota: "posizione frontale rispetto al Santuario, è sempre stata priva dell’autorizzazione della
Prestiti alle micro imprese: 2023 in Abruzzo nel segno della continuità.  Pescara – Il costo del denaro provocato
 Maxi ristrutturazione all'ex Padovano “Non ci sto a fare la parte del cattivo, perché non lo sono, e perché su
 accumulato un debito complessivo di oltre -  68 milioni di euro vanno per la copertura del buco del servizio sanitario
NurSind chiede videosorveglianza 24 h. su 24 h., la vigilanza per mezzo delle guardie giurate e la riduzione delle vie
massimo sanvitale

massimo sanvitale

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Pescara perde a Cosenza per tre reti a zero al termine di una partita mai giocata. I padroni di casa risolvono tutto in mezz’ora, con disarmante semplicità. Segnano, nell’ordine, Tremolada, Carretta e ancora Tremolada, contro un avversario inesistente. Il dato tecnico della partita semplicemente non esiste (Machin sbaglierà un rigore, ma la sconfitta sarebbe stata comunque inevitabile). Il Pescara è virtualmente in serie C (la “matematica” arriverà a breve) e la retrocessione è meritatissima.

Il Pescara agguanta il pari al Rigamonti di Brescia, campo storicamente ostico. Alla rete di Jagiello nel primo tempo, risponde l’ex Dessena alla mezz’ora della ripresa. I biancazzurri escono con due punti dalle due difficili trasferte di Monza e Brescia, un bottino discreto che tuttavia risulta ancora del tutto insufficiente all’obiettivo playout. Molte cose sono andate storte: in primo luogo la positività al covid di Machin; in secondo luogo la vittoria dell’Ascoli a Monza. Il quartultimo posto dista quattro punti ed è occupato dal Cosenza, che domani sarà ospite del Venezia. Un’eventuale vittoria calabrese significherebbe lo scivolamento del Pescara a sei punti dall’Ascoli in quota playout.

Il Pescara esce sconfitto per una rete a zero (Meggiorini) dal Menti di Vicenza e complica ulteriormente la sua corsa ai playout. Biancazzurri mai realmente in partita, a tratti in balia degli avversari che costruiscono numerose occasioni da rete. Il risultato finale poteva essere anche più largo. Sono sei i punti che dividono il Pescara dal quartultimo posto occupato dalla Reggiana, un’impresa ancora possibile solo in teoria, ogni idea in tal senso si infrange contro la realtà di una squadra incapace di vincere.

Un buon Pescara esce con un pareggio senza reti dallo scontro con il Pordenone allo Stadio Guido Teghil di Lignano Sabbiadoro (L'impianto di casa, il Bottecchia, non rispetta gli standard previsti dalla serie B). Risultato bugiardo, le squadre hanno creato molte occasioni da rete. La prestazione dei biancazzurri legittima mister Grassadonia a prendersela con la sfortuna, soprattutto per le numerose e rilevanti opportunità costruite dai suoi nel secondo tempo. Il Pescara di oggi probabilmente avrebbe meritato la vittoria.

Il Pescara batte per una rete a zero il Cittadella al Tombolato, la decide Odgaard nel finale. È ormai chiarissimo il piano tattico di Grassadonia: difendere il pareggio fino agli ultimi 20’, per poi provare a vincere in extremis. Non cura, ma medicina di guerra. Ad ogni modo, a questo punto della stagione, non c’è idea che non valga la pena di perseguire.

Il Pescara del neo mister Grassadonia strappa al Frosinone di Alessandro Nesta un pareggio senza reti che spiega – con miserabile accuratezza – la crisi profonda del calcio italiano. Si sono fronteggiati due allenatori giovani, i quali hanno con coscienza e volontà costruito una partita di inaccettabile noia, dicendosene poi – entrambi – del tutto soddisfatti. Solo passaggi orizzontali e nemmeno l’ombra di un’idea offensiva, tutto sacrificato sull’altare dell’equilibrio. L’offerta del nulla come alibi, con i tecnici che evidentemente ritengono conveniente abdicare al proprio ruolo ed affidare al caso l’esito di una partita o di una stagione. Di qui, il più decotto dei luoghi comuni: “Partita decisa dagli episodi”. Ad ogni modo, Grassadonia può farsi scudo di molte cose ed in fin dei conti un pareggio fuori casa all’esordio, da ultimo in classifica, non è un cattivo risultato. Si salvi questo ma questo solo. Di qui in avanti bisognerà provare a vincere qualche partita.

Pagina 1 di 17

Sport

Attualità

Eventi

 

chiacchiere da ape

Lavoro

Politica

futurcasa

Notizie Montesilvano

Top News

Statistiche

Visite agli articoli
33233016

Powered By PlanetConsult.it